Concerto di Natale

Mar 19 Dic
19 Dicembre 2023 21:00 Teatro Rossini, Pesaro

Concerto di Natale

FORM Orchestra Filarmonica Marchigiana

Francesca Dego violino

Gaetano D’Espinosa direttore

Martedì 19 dicembre (ore 21) al Teatro Rossini di Pesaro in scena il Concerto di Natale proposto dall’Ente Concerti di Pesaro. Protagonisti saranno Francesca Dego, una delle violiniste più richieste sulla scena musicale internazionale, al fianco della FORM Orchestra Filarmonica Marchigiana con la guida di Gaetano D’Espinosa, giovane direttore che salirà generosamente sul palco in sostituzione dell’indisposto Michele Spotti. La serata sarà dedicata a tre grandi autori classici.

In apertura, la brillante Ouverture in sol minore D. 668 di Schubert, recentemente orchestrata da Giulio Castronovo, seguita dallo splendido Concerto per violino K. 216 di Mozart, modello di perfetto equilibrio formale fra solista e orchestra. Nella seconda parte, la Settima Sinfonia di Beethoven, definita da Wagner “apoteosi della danza”: espressione dionisiaca della vitalità, dell’entusiasmo e della gioia esaltante che derivano dalla sensazione fisica delle potenze della natura.

Programma

Franz Schubert (1797-1828)

Ouverture in sol min. D 668

Orchestrazione di Giulio Castronovo

Wolfgang Amadeus Mozart (1756-1791)

Concerto per violino e orchestra n. 3 “Straßburg”in sol magg. K. 216

Allegro

Adagio

Rondò. Allegro

Ludwig van Beethoven (1770-1827)

Sinfonia n. 7 in la maggiore, op. 92

Poco sostenuto – Vivace

Allegretto

Presto

Allegro con brio

Francesca Dego

Francesca Dego è una violinista di fama internazionale, con una carriera che spazia dalla collaborazione con le principali orchestre del mondo a incisioni discografiche acclamate. Ecco un riassunto dei suoi recenti impegni e successi:

Recentemente, Francesca ha intrapreso una tournée in Giappone con la NHK Symphony diretta da Fabio Luisi e ha eseguito la Serenata di Bernstein alla Fenice di Venezia. Ha debuttato con la London Symphony sotto la direzione di Jonathon Heyward e si è esibita al Kennedy Center di Washington con la National Symphony. Tra le altre collaborazioni, spiccano quelle con l’Orchestre des Champs-Élysées sotto la direzione di Philippe Herreweghe, la Indianapolis Symphony, la North Carolina Symphony, la RTÈ di Dublino e l’Orquesta de Castilla y León.

Nei prossimi mesi, Francesca farà il suo debutto con la Swedish Radio Symphony a Stoccolma, la Bergen Philharmonic, la London Philharmonic e tornerà a suonare con la Royal Philharmonic, l’Orchestra Haydn, la Hallé e la City of Birmingham.

Francesca ha recentemente siglato un contratto discografico esclusivo con Chandos Records. La sua ultima pubblicazione, i Concerti per violino di Mozart diretti da Sir Roger Norrington con la Royal Scottish National Orchestra, è stata elogiata dalla critica e ha ottenuto il riconoscimento “Record of the Month” dalla BBC Music Magazine.

Tra le sue altre incisioni spiccano i concerti di Paganini ed Ermanno Wolf-Ferrari con la City of Birmingham Symphony Orchestra e Daniele Rustioni, il disco “Il Cannone”, registrato con il violino di Paganini, e l’integrale delle sonate per violino di Beethoven e dei Capricci di Paganini per Deutsche Grammophon.

Francesca è una solista regolarmente invitata dalle principali orchestre del mondo, con direttori del calibro di Sir Roger Norrington, Fabio Luisi, Lionel Bringuier e molti altri. Ha anche una notevole carriera come musicista da camera ed è direttrice artistica del Gravedona Chamber Music Festival sul lago di Como.

È una sostenitrice della musica contemporanea ed è stata dedicataria di opere di compositori come Michael Nyman, Carlo Boccadoro, Cristian Carrara, Nicola Campogrande e Marco Taralli.

Francesca scrive regolarmente per riviste musicali prestigiose, tra cui BBC Music Magazine, The Strad e Strings Magazine, ed è autrice del libro “Tra le note. Classica: 24 chiavi di lettura” (Mondadori 2019).

Attualmente risiede a Londra e suona un violino Francesco Ruggeri del 1697, uno strumento di grande valore.

Gaetano D’Espinosa

Gaetano D’Espinosa è considerato uno dei direttori d’orchestra più promettenti della nuova generazione. Nato a Palermo, ha studiato violino, pianoforte, composizione e filosofia. Si è perfezionato in seguito con Salvatore Accardo all’Accademia “Walter Stauffer” di Cremona. Ha collaborato dapprima con la Mahler Chamber Orchestra e dal 2001 al 2008 è stato Konzertmeister della Staatskapelle di Dresda, con cui ha anche eseguito, in veste di solista, il proprio Concerto per violino e orchestra d’archi sotto la direzione di Christian Arming. A questo periodo risalgono il suo debutto come direttore d’orchestra alla Konzerthaus di Berlino e l’incontro determinante con Fabio Luisi, che lo invita come suo assistente a Vienna e più tardi al Pacific Music Festival di Sapporo. Nel maggio 2010 debutta con grande successo alla Semperoper di Dresda con La Traviata, dirige inoltre la Philharmonia di Praga, la Filarmonica di Poznan, le Orchestre da camera di Dresda e Berlino, la Brandenburgisches Staatsorchester, la Thüringen-Philharmonie e la Kremerata Baltica. È questo l‘inizio di una folgorante carriera che lo porta, in meno di due anni, ad essere invitato a dirigere all’Opera de Lyon (nuova produzione di Trittico), all’Opernhaus di Graz (nuove produzioni di Otello e Maria Stuarda), alla Prague Philharmonia, Poznan Philharmonic, Dresden Chamber Orchestra, Orchestra dell‘Accademia Nazionale di Santa Cecilia di Roma, Orchestra Verdi di Milano (dove è Direttore Ospite Principale dal 2012 al 2017), Orchestra del Teatro San Carlo di Napoli, Orchestra del Teatro Massimo di Palermo, Orchestra del Teatro La Fenice di Venezia, Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino, NHK Symphony Orchestra Tokyo, Tokyo Metropolitan Symphony, Orchestre de Chambre de Lausanne, Orchestre d’Île-de-France, Symphonieorchester Basel, Bamberger Symphoniker. Ha diretto inoltre Cavalleria rusticana alle Terme di Caracalla, Rigoletto al Teatro dell’Opera di Roma, La Traviata e una nuova produzione di Norma al Teatro La Fenice di Venezia. Tra i suoi recenti impegni il ritorno all‘Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI, il debutto con l‘Orchestra della Toscana e la partecipazione al Nagoya Festival in Giappone con Il flauto magico, titolo ripreso successivamente con la Rete Lirica Marche. Alla Semperoper ha diretto Nabucco, Norma, Il viaggio a Reims e Madama Butterfly e questa stagione vi dirige L’elisir d’amore, Le nozze di Figaro e Il flauto magico. Per Deutschlandfunk ha diretto la prima mondiale i Fünf Stücken für kleines Orchester di Aribert Reimann. Molto apprezzato in Giappone, vi ha diretto recentemente un memorabile Fliegender Holländer di Wagner.

Tutti i concerti della stagione

Top